-15%

Vuoi un consiglio dal dottore?

  • Prodotti originali

    Sempre controllati dal farmacista

  • Assistenza clienti dedicata

    per le tue spedizioni e per i prodotti

  • Pagamenti sicuri

    Certificato SSL 128 bit

  • Spedizione GRATIS sopra i 29€

    Ricevi a casa in 2-4 giorni!

Reishi Bio - 45 cps - YAMAMOTO RESEARCH

2 Venduti/o nelle ultime 8 ore
4926266002731
Disponibile
Il Reishi (o anche Ganoderma lucidum) è uno dei più famosi ed utilizzati funghi medicinali che viene utilizzato per scopi...
€28.99 €24.64
Title *
€24.64
Clienti che hanno visualizzato questo prodotto:

Il Reishi (o anche Ganoderma lucidum) è uno dei più famosi ed utilizzati funghi medicinali che viene utilizzato per scopi terapeutici da oltre duemila anni nelle Medicine Tradizionali Orientali. Gli antichi lo hanno soprannominato il "fungo dell'immortalità". Il Reishi, o Ganoderma Lucidum, oppure anche Ling zhi è il rimedio più raro e prezioso della medicina tradizionale cinese. La leggenda lo descrive come una "essenza spirituale" che ha il potere miracoloso di riportare i morti alla vita. È il fungo più noto nella micoterapia e probabilmente anche quello con il numero più elevato di studi e che sta arrivando all'interesse delle medicine occidentali per i suoi tanti potenziali di utilizzo. È maggiormente conosciuto con il nome giapponese di "Reishi", mentre il nome cinese è Ling Zhi o Ling chi, e da sempre è considerato tra le 10 sostanze terapeutiche naturali più potenti ed efficaci di tutte le principali Medicine Tradizionali Orientali.

Il Reishi o Ganoderma lucidum è stato usato nella medicina popolare di Cina e Giappone, soprattutto nel trattamento di epatopatie, epatite cronica, nefrite, ipertensione, artrite, nevrastenia, insonnia, bronchite, asma e ulcere gastriche. In Cina, è stato usato per oltre 4000 anni come tonico e adattogeno, ma anche come cardiotonico con interessantissimi effetti immuonostimolanti ed immunomodulanti.

Dal corpo fruttifero di Ganoderma lucidum sono stati isolati circa 4000 composti bioattivi, tra cui circa 140 triterpeni/terpenoidi, oltre 200 tipi di polisaccaridi e glicoproteine, nucleotidi, cerebrosidi, ergosteroli, acidi grassi, proteine con specifiche attività, peptidi ed elementi in tracce. Tra i minerali è importante notare la presenza di Germanio in elevate quantità, che spiega molti dei suoi effetti sulla salute.

Esso presenta una altissima concentrazione di bioattivi al suo interno, tra i quali:

  • Sali minerali: Ferro, Zinco, Rame, Manganese, Magnesio, Potassio, Calcio, Germanio
  • Vitamina B in particolare folina
  • 17 amminoacidi tra cui tutti gli essenziali
  • Polisaccaridi costituiti da: glucosio, galattosio, mannosio con tracce di xilosio e fucosio
  • Beta-glucani e alfa-glucani
  • Steroli precursori ormonali
  • Sostanze ad attività anti istaminica
  • Adenosina
  • Triterei
  • Acido Lucidenico
  • Acido Ganodermico
  • Acido Genolucido

Ad ognuno di questi tantissimi elementi bioattivi poi corrispondono le specifiche attività terapeutiche, le quali possono essere di tipo "diretto" come l'attività tonica, immunoostimolante, antinfiammatoria, anti-batterica, anti-virale, ed antistaminica (maggiormente ascrivibili alla presenza di triterpeni), e di tipo indiretto, come l'attività immuno-modulante, quella ipoglicemizzante e quella antitumorale (più dipendenti dall'azione dei beta-glucani).

Sul Reishi sono stati effettuati numerosissimi studi scientifici nelle Medicine Orientali, sia preclinici che clinici, dove gli sono stati riconosciuti molteplici effetti farmacologici. A oggi tuttavia sono da confermare studi clinici nella medicina Occidentale che permettano di attribuire una validità scientifica conclamata agli utilizzi del fungo per così tanti scopi, ma le aspettative che, data la mole di studi in corso da parte della medicina occidentale, sono veramente molto interessanti ed elevate. Negli ultimi dieci anni il Reishi è stato utilizzato per studi preclinici e clinici pubblicati in riviste internazionali peer-reviewed.

Dato di fatto che lo possiamo considerare un adattogeno tra i più potenti, che sta a significare che questo fungo è in grado di aumentare in maniera aspecifica la resistenza dell'organismo a stress di varia natura, sia fisica che mentale.

Ha una attività antinfiammatoria grazie ad un componente che è stato identificato come un analogo all' idrocortisone, il quale però non possiede gli effetti collaterali tipici degli antinfiammatori stereoidei e non stereoidei. Grazie a queste sostanze dall'effetto cortisonico, sembra che il Reishi sia indicato per il trattamento di qualsiasi infiammazione, riducendo al contempo dolore, eventuali gonfiori e accelerando i processi di guarigione dell'organismo.

Questo fungo, considerato un tonico cardiaco, pare esplichi gran parte delle sue funzioni a livello vascolare, dove riduce la pressione sanguigna e contrasterebbe il colesterolo cattivo. Sempre a livello di vasi sanguigni, il Ganoderma lucidum sarebbe preventivo delle trombosi, poiché ricco di principi attivi in quanto è stato recentemente scoperto che i nucleosidi contenenti adenosine e guanosine, contenuti nel Reishi, impediscono che avvenga l'aggregazione delle piastrine all'interno dei vasi coronari e sangugni applicando quindi una grande azione antitrombotica. L'attività antipertensiva è dovuta ai 112 triterpeni identificati ad azione ACE-inibitrice. In particolare gli acidi ganoderici ( B,D,F,H,K,S e Y), il ganoderolo A e B che sono i responsabili dell'attività ipotensiva.

Gli effetti immunostimolanti del fungo Reishi sono attribuibili soprattutto ai suoi polisaccaridi, tra i quali spiccano soprattutto i Beta-glucani, sostanze dotate di proprietà immunostimolante (e dal potenziale antitumorale). Queste molecole agiscono stimolando la produzione di cellule B e di macrofagi nel midollo osseo, che rappresentano gli strumenti di difesa del nostro organismo. Alcuni studi Giapponesi hanno anche riscontrato che questi polisaccaridi sono in grado di aumentare la memoria delle cellule T e delle T helper, delle Natural Killer, incentivandone l'attività e migliorando la risposta immunitaria delle infezioni batteriche, e diversi studi scientifici hanno inoltre evidenziato l'efficacia antivirale del fungo Reishi anche nei confronti di diversi virus.

Sempre a livello immunitario, e in abbinato al potere cortisonico, il Reishi presenta una azione antiallergica, sia nei confronti delle allergie di origine respiratoria, che nelle allergie di tipo alimentare. Nei laboratori di Farmacologia dell'Università di Okayama, si è scoperto che il Reishi contiene ben quattro principi attivi antistaminici (gli acidi ganoderici C e D, il ciclottosolfuro e l'acido oleico). Queste sostanze inibiscono il rilascio d'istamina, la sostanza che viene liberata dopo la reazione allergica e che scatena la forte sintomatologia infiammatoria. A livello del sistema immunitario quindi, verrebbe bloccata la produzione eccessiva di anticorpi (anti-polline, anti-polvere, anti-acari) e riequilibrando le immunoglobuline E (igE). Il suo effetto antinfiammatorio in sinergia è utile poi per la riduzione nel breve termine della sintomatologia allergica.

Sono presenti studi scientifici in vitro e su modelli animali (da approfondire e confermare sull'uomo) che hanno evidenziato un'attività ipoglicemizzante del Reishi, stimolando la produzione di insulina da parte del Pancreas, incrementando l''utilizzazione periferica del glucosio (migliorando la sensibilità insulinica) e migliorando il metabolismo epatico del glucosio. Alcuni componenti del Ganoderma Lucidum hanno la capacità di inibire l'enzima α-glucosidasi che spezza gli amidi e disaccaridi alimentari, permettendo quindi l'assorbimento di glucosio. Il Reishi inibisce l'aldoso-reduttasi, enzima molto importante nel metabolismo del glucosio che condiziona il verificarsi di complicanze cliniche del diabete, quali la retinopatia e la nefropatia.

Il Reishi, all'interno dell'organismo svolge una potente azione epatoprotettiva. L'azione protettiva del fegato da parte del fungo si esplica su vasta scala ed il fegato viene anche protetto da possibili danni tossici di sostanze pericolose come ad esempio cadmio, galattosamina, tetracloruro di carbonio, benzopirene e micobacterium bovis. Inoltre antagonizza la tendenza fibrotica indotta da tioacetamide e dal cancro epatico. Il fungo Reishi a questo proposito si è rivelato estremamente utile anche nel trattamento dell'epatite B, sia in fase acuta, che cronica per la sua azione antifibrotica.

La sua fama principale riguarda il suo potente effetto tonico-adattogeno particolarmente utile per le persone stressate, che soffrono di insonnia, ma anche di stati ansiosi e nervosismo da eccesso di stress.

Sono stati condotti vari e vasti studi per indagare gli effetti del fungo cinese sulla neurastenia, sindrome complessa caratterizzata da: dolore muscolare, vertigini, cefalea, disturbi del sonno, incapacità di rilassarsi, irritabilità e dispepsia. Dopo 2 mesi di terapia con dosi considerevoli di Reishi (fino a 5 g al giorno), si è notato in gran parte dei pazienti un sensibile miglioramento dei sintomi anche se ancora non si conosce il meccanismo d'azione di questo effetto.

Non esistono in realtà particolari controindicazioni o particolare tossicità associata all'utilizzo del Reishi. Tuttavia in rari casi sono stati segnalati leggeri disturbi digestivi, eritemi cutanei, o emicrania, limitati però al primo periodo di utilizzo. Questi "effetti collaterali", sono attribuibili al processo di detossificazione innescato dal Ganoderma.

Sono riportati casi nei quali la somministrazione di dosaggi elevati del fungo ha determinato l'emissione di feci molli. Tale effetto collaterale può essere contrastato assumendo buone dosi di vitamina C, vitamina che tra l'altro migliora sensibilmente l'assorbimento dei nutrienti contenuti nel fungo.

Nel caso in cui assumiate farmaci per la pressione, anticoagulanti ed ipoglicemizzanti (ad esempio insulina, o metformina), anticoagulanti e antipiastrinici, il suo uso è da evitare, perché il fungo svolge tutte queste attività e può quindi provocare ipotensione, sanguinamento eccessivo, o ipoglicemia.

Come tutti i funghi con proprietà immunomodulanti, il Reishi è sconsigliato ai pazienti che hanno subito trapianti di organi, o che assumano farmaci immunosoppressivi. Ovviamente, poiché si tratta di un fungo, l'utilizzo è sconsigliato anche per persone che soffrono di allergia a questi alimenti.

45 capsule

Informazioni nutrizionali

Per dose giornaliera (1 capsula)

Per dose giornaliera (1 capsula)

Estratto di Reishi Bio
di cui beta-glucani

500 mg
100 mg

Ingredienti: estratto secco di Reishi (Ganoderma lucidum (Curtis) P. Karst.) sporoforo tit. 20% beta glucani**, capsula (agente di rivestimento: idrossi-propil-metilcellulosa), amido di mais pregelatinizzato**.

**Da agricoltura biologica

Modalità d'uso: assumere 1 capsula al giorno con acqua.

AVVERTENZE:

Leggere attentamente le avvertenze e le modalità d'uso riportate in etichetta. Non superare le dosi giornaliere consigliate. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata.

PHARMAGOLI ricorda l'importanza di seguire uno stile di vita sano e un'alimentazione variata ed equilibrata.

Reishi Bio - 45 cps - YAMAMOTO RESEARCH
  • Spedizione GRATIS sopra 29€
  • Sicurezza garantita
  • 100% clienti soddisfatti
  • Quality check del Dottore
[time], da [location]
ic-expand
Ti sei iscritto con successo
L'E-MAIL è stata registrata