add wishlist show wishlist Elimina add compare show compare Elimina preloader

Serve aiuto? 06 89617205

    FERMENTIPREBIOTICIPROBIOTICI

    Fermenti lattici: Parliamo di Lactobacillus REUTERI

    Fermenti lattici: Parliamo di Lactobacillus REUTERI

    Il Lactobacillus reuteri (L. reuteri) è un batterio probiotico ben studiato che può colonizzare un gran numero di mammiferi. Nell'uomo, L. reuteri si trova in diversi siti del corpo, tra cui il tratto gastrointestinale, il tratto urinario, la pelle e il latte materno. L'abbondanza di L. reuteri varia tra i diversi individui. Sono stati notati diversi effetti benefici di L. reuteri.

    Primo, L. reuteri può produrre molecole antimicrobiche, come acidi organici, etanolo e reuterina. Grazie alla sua attività antimicrobica, L. reuteri è in grado di inibire la colonizzazione di microbi patogeni e rimodellare la composizione microbiotica commensale nell'ospite.

    In secondo luogo, L. reuteri può giovare al sistema immunitario dell'ospite. Ad esempio, alcuni ceppi di L. reuteri possono ridurre la produzione di citochine pro-infiammatorie promuovendo lo sviluppo e la funzione delle cellule T regolatorie.

    Terzo, essendo in grado di rafforzare la barriera intestinale, la colonizzazione di L. reuteri può diminuire la traslocazione microbica dal lume intestinale ai tessuti. La traslocazione microbica attraverso l'epitelio intestinale è stata ipotizzata come un iniziatore dell'infiammazione. Pertanto, le malattie infiammatorie, comprese quelle localizzate nell'intestino e nei tessuti remoti, possono essere migliorate aumentando la colonizzazione di L. reuteri. In particolare, la diminuzione dell'abbondanza di L. reuteri negli esseri umani negli ultimi decenni è correlata con un aumento dell'incidenza di malattie infiammatorie nello stesso periodo di tempo. L'integrazione diretta o la modulazione prebiotica di L. reuteri può rappresentare un'attraente via preventiva e / o terapeutica contro le malattie infiammatorie.

    Ci sono alcuni criteri che un probiotico deve avere per essere considerato efficace. Questi includono la capacità di sopravvivere nel tratto gastrointestinale, un'elevata resistenza agli acidi gastrici, la mancanza di geni trasferibili di resistenza agli antibiotici e la capacità di esercitare chiari benefici nell'ospite (Montalban-Arques et al., 2015). I probiotici promuovono un corpo sano attraverso diversi meccanismi. Una generalizzazione diffusa che descrive i meccanismi comuni tra i generi probiotici studiati include la resistenza alla colonizzazione, la produzione di acidi e acidi grassi a catena corta (SCFA), la regolazione del transito intestinale, la normalizzazione del microbiota perturbato, l'aumento del turnover degli enterociti e l'esclusione competitiva dei patogeni (Hill et al., 2014 ). Sebbene non ampiamente osservati, ci sono molti effetti tra specifiche specie probiotiche, alcuni dei quali specifici del ceppo. Ad esempio, alcuni ceppi probiotici possono migliorare la digestione del cibo ospite metabolizzando i sali biliari o completando le funzioni degli enzimi digestivi mancanti (Amara e Shibl, 2015; Shi et al., 2016).

    L. reuteri è stato isolato per la prima volta nel 1962. È stato caratterizzato come specie eterofermentante che cresce in atmosfere limitate di ossigeno e colonizza il tratto gastrointestinale di esseri umani e animali (Kandler et al., 1980). Il fatto che colonizzi normalmente il tratto gastrointestinale può essere la ragione per cui conferisce grandi proprietà probiotiche. Questo organismo può resistere a un'ampia varietà di ambienti con pH, impiega più meccanismi che gli consentono di inibire con successo i microrganismi patogeni e ha dimostrato di secernere intermediari antimicrobici (Jacobsen et al., 1999; Valeur et al., 2004).

    L. reuteri ha dimostrato di essere uno dei batteri veramente indigeni del tratto gastrointestinale umano (Sinkiewicz, 2010). Colonizza naturalmente un'ampia gamma di vertebrati, inclusi maiali, roditori e polli. In effetti, ha subito un'evoluzione a lungo termine per diversificarsi in lignaggi adattati all'ospite (Oh et al., 2010; Walter et al., 2011). Questo organismo si trova più tipicamente nel tratto digerente prossimale dell'ospite (Frese et al., 2013). Diversi studi hanno valutato la sicurezza di questo organismo negli adulti, nei bambini, nei neonati e persino in una popolazione con infezione da HIV (Wolf et al., 1998; Valeur et al., 2004; Weizman e Alsheikh, 2006; Mangalat et al., 2012; Jones et al., 2012a, c; Hoy-Schulz et al., 2016). I risultati hanno mostrato che una dose fino a 2,9 × 109 unità formanti colonia (cfu) / giorno era ancora ben tollerata, sicura ed efficace negli esseri umani. Ci sono stati anche numerosi articoli che enumerano i benefici di L. reuteri come probiotico. Questi benefici includono la promozione della salute, la riduzione delle infezioni, il miglioramento della tolleranza al mangime, il potenziamento dell'assorbimento di nutrienti, minerali e vitamine, la modulazione delle risposte immunitarie dell'ospite, la promozione dell'integrità della mucosa intestinale e la riduzione della traslocazione batterica (Tubelius et al., 2005; McFall-Ngai, 2007; Indrio et al., 2008; Spinler et al., 2008; Hou et al., 2015). Nella revisione attuale, ci concentreremo sul particolare probiotico, L. reuteri, e discuteremo le sue funzioni benefiche nel promuovere la salute e prevenire le infezioni e diverse malattie.

    IN CONCLUSIONE:

    C'è stata una diminuzione nell'abbondanza di L. reuteri negli esseri umani negli ultimi decenni, probabilmente causata dallo stile di vita moderno (uso di antibiotici, dieta occidentale, igiene migliorata). Tale diminuzione coincide con una maggiore incidenza di malattie infiammatorie nello stesso periodo di tempo. Mentre mancano prove per stabilire la correlazione, può essere utile aumentare la colonizzazione di L. reuteri e / o facilitare le sue funzioni probiotiche come strategia nuova e relativamente sicura contro le malattie infiammatorie. Inoltre, attraverso la regolazione diretta o la modulazione indiretta attraverso il microbiota ospite, L. reuteri svolge un ruolo impressionante nell'eliminazione delle infezioni e nell'attenuazione sia delle malattie gastrointestinali che delle malattie nei tessuti remoti. La sicurezza e la tolleranza di L. reuteri è stata dimostrata da numerosi studi clinici. Esistono più ceppi di L. reuteri con origini ospiti diverse e molte delle funzioni probiotiche di L. reuteri dipendono dal ceppo. Pertanto, può essere vantaggioso combinare diversi ceppi di L. reuteri per massimizzare i loro effetti benefici.

     

    Linkedin: Dr. Alessandro Goli Risultato immagini per icona linkedin png

    Commenti

      Scrivi un commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

      I commenti devono essere approvati prima di essere visualizzati

      Related Posts