WhatsApp:

STRETCHING: L’IMPORTANZA DI FARLO

19.03.2017 0 PHARMAGOLI NUTRITION
STRETCHING: L’IMPORTANZA DI FARLO

LO STRETCHING HA COME SCOPO PRINCIPALE QUELLO DI MIGLIORARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE ED EVITARE COSÌ POSSIBILI INFORTUNI DI NATURA MUSCOLARE.

Lo stretching agisce sull’estensione dei muscoli scheletrici, sui tendini e i legamenti che se stimolati in maniera appropriata si possono ottenere dei benefici permanenti.

Lo stretching si può suddividere in:

  • Stretching analitico
  • Stretching globalizzante.

Lo stretching analitico lavora su un singolo muscolo, dando la possibilità al corpo di creare compensi. Si basa sull’allungamento del muscolo sfruttando l’azione della gravità.

Lo stretching globalizzante agisce sull’intera catena dei muscoli, evitando scompensi. Si usa spesso durante gli esercizi di ginnastica posturale.

Anche per fare lo stretching, bisogna fare prima un riscaldamento fisico. 

Con movimenti lenti e fluidi si deve raggiungere il massimo allungamento, evitando movimenti troppo bruschi.
Durante lo stretching bisogna avere una respirazione lenta e controllata.

L’esercizio deve essere svolto sia seguendo la tecnica esecutiva che le caratteristiche morfologiche e funzionali del muscolo sollecitato.

Durante lo svolgimento dello stretching, sono stimolati i tendini, i legamenti e i muscoli e la flessibilità di queste zone dipende da tanti fattori, quali l’età, il sesso, l’iperlassità, la temperatura e naturalmente la forma di ciascun soggetto interessato.

Per quanto riguarda l’età, è naturale che un individuo più giovane ha maggiore capacità di flessibilità rispetto a una persona di età più avanzata.

Le donne rispetto agli uomini sono più flessibili a causa delle loro caratteristiche anatomiche.

Molti soggetti hanno la caratteristica dell’iperlassità, ma non bisogna esagerare con allungamenti eccessivi, anzi sarebbe consigliabile sottoporli a visita medica prima di iniziare un programma di stretching adeguato.

Anche la temperatura corporea è un elemento fondamentale per un esercizio di stretching adeguato; molti soggetti hanno una temperatura corporea più alta rispetto ad altri e questo consente loro di allungarsi meglio, grazie alla loro maggiore flessibilità. Ecco perchè il riscaldamento fisico è fondamentale prima di ogni esercizio fisico.

Per concludere, è fondamentale il livello di preparazione fisica dell’individuo. Infatti, un soggetto che ha una muscolatura più allenata di un altro, è più avvantaggiato nello svolgimento dello stretching.

Sono fondamentali le abitudini di ogni soggetto. La vita sedentaria, il poco moto, l’abitudine di spostarsi sempre in macchina, rendono la muscolatura più bloccata rispetto a chi conduce una vita più attiva.

La percentuale di grasso corporeo è maggiore in un individuo che è più sedentario rispetto a una persona che si allena con regolarità; le articolazioni sono ostruite dal grasso e il movimento è più difficoltoso.

 

Scrivi un commento